L’autismo è una condizione che spesso implica difficoltà nel rapportarsi con le persone e alle situazioni di tutti i giorni. È difficile spiegarlo a chi ne è completamente estraneo, ed è ancora più difficile per chi ne è soggetto riuscire a capire come “funzionano” le cose. Un modo utile e al contempo efficace per parlare ai bambini autistici e per parlare dell’autismo è usare le fiabe.

Perché usare le fiabe per comunicare con bambini autistici

Le fiabe hanno la capacità di raccontare ciò che vogliamo comunicare arrivando oltre la razionalità di chi le ascolta; il racconto fiabesco permette di spiegare una situazione o affrontare un tema in modo protetto; ci permette di comunicare quello che vogliamo comunicare mantenendoci a una distanza tale da non urtare la sfera emotiva, pur arrivando oltre la razionalità del pensiero. Questo perché le fiabe usano i canali dell’immaginazione, della fantasia e della metafora.

Un secondo aspetto da non sottovalutare è quello delle illustrazioni. Le fiabe o i racconti per i più piccoli spesso utilizzano il canale visivo per entrare in empatia con il bambino; questo li rende un ottimo strumento da utilizzare con bambini autistici, perché riescono ad attirare l’attenzione e semplificano notevolmente la comprensione. Vi sarà capitato sicuramente di soffermarvi su un disegno particolarmente dettagliato che catturava l’attenzione del vostro piccolo in modo particolare; questo è un ottimo momento per arricchire il racconto calandolo nei panni del vostro piccolo permettendovi di comunicare con lui.

Abbiamo selezionato i nostri libri di fiabe o racconti preferiti che potete leggere assieme ai vostri piccoli con autismo. Ricordatevi di suggerirci i vostri; non ci resta altro che salutarvi augurandovi buona lettura!

Racconti per spiegare le emozioni

Una delle difficoltà maggiori per tutti (bambini adulti autistici e non) è quella di capire esprimere le proprie emozioni.

I colori delle emozioni, racconta la storia di un simpatico mostriciattolo confuso e disorientato dal groviglio delle emozioni; grazie all’aiuto di una bambina scoprirà che ogni emozione e riuscirà ad esprimerla cambiando colore.

Abbiamo già parlato di “che Rabbia!“, in un nostro articolo precedente; non potevamo non citarlo anche qui; questo libro riesce nel difficile compito di spiegare il sentimento della rabbia ai più piccoli, aiutandoli ad calmarsi.

Fiabe in CAA

La CAA può essere uno strumento utilissimo per sviluppare il canale comunicativo nei bambini con autismo; se vuoi saperne di più ne abbiamo parlato in questo articolo. Troviamo che l’abbinamento della CAA con l’immediatezza e la semplicità delle fiabe sia perfetto.

Favole e racconti “classici” vanno bene per bambini autistici?

Non dimentichiamoci che i bambini con autismo sono prima di tutto bambini; favole come quelle di Esopo sono entrate nell’immaginario comune e vengono usate da sempre per trasmettere la loro morale ai piccoli di tutto il mondo. La semplicità e l’immediatezza di queste favole si adattano anche ai bambini con autismo.

Se avete letto il nostro articolo sul “il Gruffalò”, sapete che siamo grandi fan di Julia Donaldson e dei suoi racconti; storie brevi, semplici, unite alle numerose e dettagliate illustrazioni rimarranno nell’immaginario dei vostri piccoli.

Lunetto: una fiaba per l’autismo

Parlando di fiabe per bambini autistici è impossibile non citare “Lunetto una favola per l’autismo”. La storia di Lunetto aiuta i più piccoli, ma anche i più grandi, a capire che l’integrazione non avviene semplicemente cambiando il “soggetto da integrare”, ma sensibilizzando le persone nel contesto in cui è inserito. Trovate il link per l’audio racconto su yuotube qui sotto. Buona visione!